SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA - UNIDADE INDIPENDENTISTA

Su Forum de sos Indipendentistas Sardos / Il Forum degli Indipendentisti Sardi


    " Sa boghe de Segnòre " ...

    Condividi
    avatar
    Gion Loi

    Messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 13.02.09
    Età : 54
    Località : Sardigna

    " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Gion Loi il Mar Lug 28, 2009 10:57 pm

    ... Domenica 26 Luglio ore 18, sono sulla 131 direzione Samugheo nell'altezza prima di aggiungere
    Ottana la triste immagine della terra bruciata del maledetto giorno Giovedì.
    Un silenzio stanco, momenti di luto pensieri ai poveri vittime. L'assurdo morire per conto -
    D'infami criminale creature !
    Seguo con gli occhi la terra nera, nuda spogliata e violentata ... POI ... una splendida altare,
    Grande orgoglio "Sardum" sempre dritta in verticale, cono reale da secoli fuoco, vento, freddo,
    e acqua mai un centimetro ceduto. Vedo te, testimone secolare per noi Sardi, il padre reale -
    Grazie Dio che mi regali questo momento importante. Sento nella mente la voce brillante ... -
    " vedete il vostro NURAGHE mai morto, sarò sempre il prezioso testimone della vita Sarda la prova
    Dell'eternità isolana " ...

    Viva sa Sardigna ... G.L.
    avatar
    *sardus.filius*

    Messaggi : 151
    Data d'iscrizione : 03.02.09

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  *sardus.filius* il Mer Lug 29, 2009 12:10 am

    Gion Loi ha scritto:... Domenica 26 Luglio ore 18, sono sulla 131 direzione Samugheo nell'altezza prima di aggiungere
    Ottana la triste immagine della terra bruciata del maledetto giorno Giovedì.
    Un silenzio stanco, momenti di luto pensieri ai poveri vittime. L'assurdo morire per conto -
    D'infami criminale creature !
    Seguo con gli occhi la terra nera, nuda spogliata e violentata ... POI ... una splendida altare,
    Grande orgoglio "Sardum" sempre dritta in verticale, cono reale da secoli fuoco, vento, freddo,
    e acqua mai un centimetro ceduto. Vedo te, testimone secolare per noi Sardi, il padre reale -
    Grazie Dio che mi regali questo momento importante. Sento nella mente la voce brillante ... -
    " vedete il vostro NURAGHE mai morto, sarò sempre il prezioso testimone della vita Sarda la prova
    Dell'eternità isolana " ...

    Viva sa Sardigna ... G.L.

    ..... e pensare, Gion, che il nuraghe serviva proprio per custodire il fuoco sacro controllando il territorio perchè non gli potesse scappare (gli incendi sono sempre stati una grave calamità per la nostra isola). Fu con il sacro fuoco che vennero scoperti i metalli (dicesi: metallurgia), con l'acqua invece, sacra anch'essa, venivano temprati. Qui c'è quel che ha gettato le basi per tutte le civiltà ma è come quando nessuno lo sa!!!
    Viva Sardigna .... libera, indipendente e franca

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 65
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Marku il Mer Lug 29, 2009 10:47 am

    Saludi, adiseru cumenti apu inghitzau a ligi su chi at scritu Gion, mi seu fatu, ita dh'at a essi succediu? Balla ca no fiada ne imbriagu, ne toccau de atra cosa! Is fogus occ'annu puru nci ant papau ettarus de terrenu cun su crachi e su padenti, terra po pastura e po semina. Est incumintau cun d'unu fogu mannu de Bidharomosa conca a Silicua, 700 etarus de terrenu, ant sighiu is atrus in soru'e Bidha'e Cresia, in atras partis de su Sulcis, s'atru fogu mannu est istetiu in Scivu, a lacana de is comunus de Arbus e de su Fluminarxu, morti e isderruimentu de is logus nostrus! In medas pensant a su "danno all'immagine", no pensant a is dannus a sa saludi chi si ndi podint arribbai! Is nuraxis de seculus funt in gunis a guardia de su machimini nostru, mancu mali ca funt fatus cun perda'e pibiri, sinuncas estus iscallau cussus puru! Duncas Sardus, no scetti po serrai su fogu, po forgiai su brunzu, ma NUR=LUXI=LUCHE, poita ca ancora custu nomini in s'Orienti'e Mesu, dhu ponint a is pipias apena nascias! Una borta festis sa luxi, fadestis po fintzas'e su nuragus, una borta ge tenestus sa luxi'e deus, oj teneus s'iscurigamentu donau de is ominis cun fogus chi isderruinti sa vida e fabricas de morti! Mancu mali ca calincunu nci biri ancora sa felicidadi de sa natzioni sarda, ohi, ohi...
    Ligea cust'articulu

    portovesme Presentato l'emendamento
    Sì al parco eolico, sospiro di sollievo alla Portovesme srl


    Sì all'eolico per le aziende energivore: per i lavoratori della Portovesme srl non è la soluzione di tutti i problemi ma è abbastanza per tirare un sospiro di sollievo. Il via libera alla produzione di energia da fonti rinnovabili significa riduzione dei costi di produzione, ovvero la garanzia che la fermata degli impianti ancora attivi (il reparto elettrolitico) sarà scongiurata.
    È questo il primo importante risultato dell'incontro del comitato per le emergenze economico sociali che ieri mattina, nella sede della Presidenza della Regione, ha visto intorno a un tavolo l'assessore della Programmazione, Giorgio La Spisa, il direttore generale della presidenza Gabriella Massidda (in rappresentanza del presidente Ugo Cappellacci), l'assessore dell'Industria Andreina Farris, il presidente di Confindustria sud Sardegna, Alberto Scanu, i vertici della Portovesme e delle rappresentanze sindacali. «Un incontro positivo che ha permesso un passo avanti per i lavoratori della Portovesme srl», ha commentato l'assessore La Spisa dopo che si è deciso che sarà presentato un emendamento per la modifica della legge Finanziaria che di fatto darà il via libera alla tanto attesa nascita del parco eolico. Certo, dal via libera alla realizzazione del parco vero e proprio passeranno almeno ventiquattro mesi, ma è già abbastanza per mostrare un cauto ottimismo: «L'unico reparto ancora attivo alla Portovesme srl è la linea elettrolitica e rischiava di chiudere in assenza di notizie concrete sul parco eolico che la Glencore vuole realizzare per l'autoproduzione - spiega Tore Cappai della Rsu aziendale - ora questi operai possono guardare al futuro con maggiore serenità anche se potremmo realmente tirare un sospiro di sollievo quando tutti i lavoratori della Portovesme, e sono ben settecento quelli in cassa integrazione, potranno riavere il posto di lavoro». Intanto ieri è stato assicurato un approfondimento della recente normativa nell'applicazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori in cassa integrazione in modo da garantire un percorso di riqualificazione prima del reinserimento nel ciclo produttivo.
    Si è parlato anche di Virtual Power Plant (Vpp) che dovrebbe garantire alle industrie energivore le tariffe agevolate: «Ci è stato garantito il massimo impegno - ha concluso Cappai - affinché si possa arrivare alla firma definitiva entro l'estate». (s. p.)

    29/07/2009


    Est a isderrui ancora su logu, cun 110 turris, a is partis de sa costa, aintrus de Monti Dolorosu e Guronedhu, poita ca diacci calincunu in su sgavu po fai sa turri nci at ghetai is scorias de is fumus de acciaieria!
    Saludus indipendentistas.
    avatar
    *sardus.filius*

    Messaggi : 151
    Data d'iscrizione : 03.02.09

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  *sardus.filius* il Mer Lug 29, 2009 11:59 am

    Marku ha scritto:Saludi, adiseru cumenti apu inghitzau a ligi su chi at scritu Gion, mi seu fatu, ita dh'at a essi succediu? Balla ca no fiada ne imbriagu, ne toccau de atra cosa! Is fogus occ'annu puru nci ant papau ettarus de terrenu cun su crachi e su padenti, terra po pastura e po semina. Est incumintau cun d'unu fogu mannu de Bidharomosa conca a Silicua, 700 etarus de terrenu, ant sighiu is atrus in soru'e Bidha'e Cresia, in atras partis de su Sulcis, s'atru fogu mannu est istetiu in Scivu, a lacana de is comunus de Arbus e de su Fluminarxu, morti e isderruimentu de is logus nostrus! In medas pensant a su "danno all'immagine", no pensant a is dannus a sa saludi chi si ndi podint arribbai! Is nuraxis de seculus funt in gunis a guardia de su machimini nostru, mancu mali ca funt fatus cun perda'e pibiri, sinuncas estus iscallau cussus puru! Duncas Sardus, no scetti po serrai su fogu, po forgiai su brunzu, ma NUR=LUXI=LUCHE, poita ca ancora custu nomini in s'Orienti'e Mesu, dhu ponint a is pipias apena nascias! Una borta festis sa luxi, fadestis po fintzas'e su nuragus, una borta ge tenestus sa luxi'e deus, oj teneus s'iscurigamentu donau de is ominis cun fogus chi isderruinti sa vida e fabricas de morti! Mancu mali ca calincunu nci biri ancora sa felicidadi de sa natzioni sarda, ohi, ohi...
    Ligea cust'articulu

    portovesme Presentato l'emendamento
    Sì al parco eolico, sospiro di sollievo alla Portovesme srl


    Sì all'eolico per le aziende energivore: per i lavoratori della Portovesme srl non è la soluzione di tutti i problemi ma è abbastanza per tirare un sospiro di sollievo. Il via libera alla produzione di energia da fonti rinnovabili significa riduzione dei costi di produzione, ovvero la garanzia che la fermata degli impianti ancora attivi (il reparto elettrolitico) sarà scongiurata.
    È questo il primo importante risultato dell'incontro del comitato per le emergenze economico sociali che ieri mattina, nella sede della Presidenza della Regione, ha visto intorno a un tavolo l'assessore della Programmazione, Giorgio La Spisa, il direttore generale della presidenza Gabriella Massidda (in rappresentanza del presidente Ugo Cappellacci), l'assessore dell'Industria Andreina Farris, il presidente di Confindustria sud Sardegna, Alberto Scanu, i vertici della Portovesme e delle rappresentanze sindacali. «Un incontro positivo che ha permesso un passo avanti per i lavoratori della Portovesme srl», ha commentato l'assessore La Spisa dopo che si è deciso che sarà presentato un emendamento per la modifica della legge Finanziaria che di fatto darà il via libera alla tanto attesa nascita del parco eolico. Certo, dal via libera alla realizzazione del parco vero e proprio passeranno almeno ventiquattro mesi, ma è già abbastanza per mostrare un cauto ottimismo: «L'unico reparto ancora attivo alla Portovesme srl è la linea elettrolitica e rischiava di chiudere in assenza di notizie concrete sul parco eolico che la Glencore vuole realizzare per l'autoproduzione - spiega Tore Cappai della Rsu aziendale - ora questi operai possono guardare al futuro con maggiore serenità anche se potremmo realmente tirare un sospiro di sollievo quando tutti i lavoratori della Portovesme, e sono ben settecento quelli in cassa integrazione, potranno riavere il posto di lavoro». Intanto ieri è stato assicurato un approfondimento della recente normativa nell'applicazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori in cassa integrazione in modo da garantire un percorso di riqualificazione prima del reinserimento nel ciclo produttivo.
    Si è parlato anche di Virtual Power Plant (Vpp) che dovrebbe garantire alle industrie energivore le tariffe agevolate: «Ci è stato garantito il massimo impegno - ha concluso Cappai - affinché si possa arrivare alla firma definitiva entro l'estate». (s. p.)

    29/07/2009


    Est a isderrui ancora su logu, cun 110 turris, a is partis de sa costa, aintrus de Monti Dolorosu e Guronedhu, poita ca diacci calincunu in su sgavu po fai sa turri nci at ghetai is scorias de is fumus de acciaieria!
    Saludus indipendentistas.

    No solu po su brunzu Marku, ma po s'orientamentu de sos pellegrinos in sas notes nieddas. S'erezione nuragica chi naraian' turre asserviad' a su controllo de su territoriu, a sas trasmissiones e a sas comunicaziones, intro una rete intercomunicante. Sas turres pedraticas chi naran' nuraghes derivan' da s'evoluzione de una civiltade chi apartenet a un'ateru mundu, un'atera dimensione chi no podimos mancu immaginare, inserrados comente semus intro sos cunfinos de su pensamentu occidentale modernu.
    "Lughe" est sa peraula chi prendes a "nur", su cumulu 'e pedras chi lughizan', e no tenes drotu. Nois, in onore de sa lughe festamo a Lughìa e, comente in s'Oriente de mesu, lu ponimos a sas pipìas.
    Subra sas "pala a bentu" po fagher' energia a sas industrias energivoras de Portovesme, tocat de criare su movimentu de opinione in modu chi finas sas famiglias potan' usufruire de s'energia a basciu costu chi cheren' produer'. S'impatu ambientale chi andan' a causare cent' e deghe furriabentos si riflitit subra totu su territoriu e no si cumprendet puite depan' esser' favoridos solu sos industriales chi, su territoriu, lu sun' agabende.
    avatar
    juanna maria

    Messaggi : 319
    Data d'iscrizione : 03.02.09
    Località : potene secare tottu sos frores...ma non potene prennere su beranu

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  juanna maria il Mer Lug 29, 2009 4:30 pm

    Marku ha scritto:... Is nuraxis de seculus funt in gunis a guardia de su machimini nostru...

    e so cumbinta chi sos chi sos "collassatos" est ca non ne potian prus de idere machines

    pro sos "alieni" deo sinceramente mi intenno e sò discendente de cussos chi si ana fattu unu bette "matzo" pro nos lassare cussas "ereziones" ( Embarassed )e non solu, poi chi b'apat zente chi non si los meritana, e chin non meritana de "calpestare" e bruttare sa terra Sarda custa est attera cosa, intro de custos bi sono sos chi li cheriat secata sa manu

    eolico, certu chi propiu urgente de bi ponnere cussas eretzione (non cussas anticas chi bi sono dae semper)! boh! semper mi dimanno , ma pruite non si las ponene in costas , las appo istas custas raju de turres postas in locos gai bellos ( e poi nazemi umbe non b'atta locos bellos in Sardigna)

    atteru no? non si potet facher dae atteru? chene semper Guastare su chi b'est?
    mi dimanno si ana il concetto de "bello" , ca mi paret chi mancat e meda puru, bastat de idere sos iscempio chi ana fattu in sas biddas

    pesso chi sos Nuraghes ne tene duas boccias de tottu custos machines Razz

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 65
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Marku il Mer Lug 29, 2009 6:33 pm

    Saludi Sardus, nosus seus unu populu de genti a conca tuvura, isboida, calincunu mi narara puru ca seus esaurius! S'ant fatu su donu de bivi in d'una terra diacci bella ca no ndi teneus contu, no teneus sa memoria ca is nuraxis, a parti de su chi as nau tui, serbiant po carculai su tempus, dhus ant postus che istedhas de su celu in terra, candu si narara ca d'oniunu teniri un'importantzia! Perou seus genti, che su contu de cussu tziu chi si fiada postu a nci passai sa riu arrinegau e nci dhu at tragau cun carru e cuadhu, e issu agitoriendi, "oh santu Franciscu, faimidha sa gratzia'e mi salvai", bai ca si salvara, una borta in su siguru, faidi su manigu'e paracua cun is bratzus "custu ti fatzu!", laba, nosus seus genti chi no torrara gratzias, chi no teniri a contu nudha, a s'occidentali propiu!! Bai e contasidhu a sa genti chini fiant Lionora e atrus sardus, chi intzandus tzerrianta “templari”, diacci su mesi passau custus cumpangius de trabballu, chistionanta de sa scoberta de Colombo, e deu, labea ca Colombo est nasciu in Sedhori e fiada nebodi de Lionora de Arbarei! “ita ses narendi, aundi dhas ligiu? No as a bolli fai che s’istoria de Peron? Nou custa est un’atra istoria: sa nostra! Iast depiu biri is facis…
    Istimada Juannika, in atrus logus, is turris po fai currenti, in Portvesme nc’est su logu po dhas poni, poita ca essendi in s’oru’e mari piganta totus is bentus, ma inoi nc’est de fai dinai de su sindalista de sa Portvesme srl, a Pinna e a tanti atrus canis sutta’e mesa! Bis in Sarrok nci funti, perou s’ogu si ndi faidi lestru s’idea de dhu poni paris cun sa fabbrica, no est cosa bella de biri perou giai cambiara s’aspetu, si teneis manera de tenni “google earth”, circhea is logus in 3D, a basciu de Gonnesa andendi conca a Portu’e Iscusi, de Portu Pala, conca a Crobettana (capo altano est sa tradussioni de cuddhu logu), eis agatai piccigadas po fintzas e fotografias, circhea Guroni, Guronedhu, Guroni Mannu e po fintzas Monti Dolorosu, dh’ant tzerriau diacci poita ca ant agatu is sinis de una battalla, fortzis contras a is morus! Si ndi funt boghendi sa memoria de is logus, a pensai ca in Portu’e Iscusi su logu fiada prenu de bingias e ortus, is pscadoris biviant de su mari, fiada incumintzendi inoi unu discursu de turismu, invecias si nd’ant portau fabricas chi S’Africa’e su Cabu’e Basciu no at bofiu giustamenti! De su bellu castianta scetti su chi podiri portai dinai, bis is minieras s’ant lassau cosas bellas puru, perou fintzas a imoi bieus palatzinas, impiantus, is paperis, una memoria istorica beccia che s’omini, ma no ndi teneus contu ca cussa podit essi una miniera chi si podiri torrai a contu, macchè, nosus seus cunvintus ca s’industria strangia si torrara a beneficiu, maladius seus? nou, de ricoveru! S'est permitiu puru a dirigentis de s'Eni a si nd'essi pigaus mobilia de su 1800, bellas de biri e de valori istoricu mannu.Saludus indipendentistas.
    avatar
    juanna maria

    Messaggi : 319
    Data d'iscrizione : 03.02.09
    Località : potene secare tottu sos frores...ma non potene prennere su beranu

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  juanna maria il Mer Lug 29, 2009 8:09 pm

    o Marku, tanno fini "calcolatori de su tempus" , ascù ma semper carculanne fini, unu civilate de sos rellozzos no?
    Lassa istare Colombo a sos genoves, solo custu makine bi mancat
    ajò! Razz

    sinceramente non appo mai istu unu situ indistriale in Sardigna, a parte le "colonne d'ercole" de Othana

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 65
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Marku il Mer Lug 29, 2009 11:19 pm

    Nou, arregorda ca inoi teneus sa ziqurat de monte de Accodhe, sa Covecada e tantus atras ainas po su carculu di is stagionis, nosus beneus de unu populu chi at donau is istudius po arribbai a is arrellogius, la ca nosus no est chi eus inventau cosas medas! Colombo e is liguris, fadiant parti de Is Populus de su mari, is Shardana, perou sigundu mei nai nuragicus e shardana, de siguru est sa propiu cosa, est sa evolutzione de una cilidadi, poita ca in medas logus, nci funt is nuraxis e is chi nanca funt citadis fenicias, ma is fenicius festis nosus e totu. In sant'Antiogu, podis biri tumbas che is de is egitzianus, agatai po fintzas cosa chi benint de atrus logus, poita ca fadiant cummerciu o ca portanta ricordinus.Po s'energia, nc'est puru de regordai ca fra no meda at lompi su gasu de s'Algeria, intzandus a calincunu is turris cun "palle", si dhas poniri a segus! Ti saludu, ma po imoi no ti contu nudha de su tisso!
    avatar
    juanna maria

    Messaggi : 319
    Data d'iscrizione : 03.02.09
    Località : potene secare tottu sos frores...ma non potene prennere su beranu

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  juanna maria il Mer Lug 29, 2009 11:30 pm

    non mi cumprennes, non "abbraccio" sa teoria, calcolari de tempus de stagione ( non mi enit sa paraula in sardu) etc ect

    Monte D'Accoddi mi l'appo "donato" s'annu chi est colatu, atteras cosas mi devo donare..



    Razz

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 65
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Marku il Gio Lug 30, 2009 9:44 am

    Brava! Biu cun prexedi ca ses istudiendi! Ti saludu!

    Marku

    Messaggi : 306
    Data d'iscrizione : 26.02.09
    Età : 65
    Località : Bidha'e Cresia

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Marku il Gio Lug 30, 2009 6:50 pm

    Imoi scieus a chini est chi teniri responsabilidadis:

    Cronaca
    Incendi, Guido Bertolaso: "La Regione Sardegna ha agito in ritardo"
    Lo scadente coordinamento delle attività di terra e la scarsa efficienza dell'apparato antincendi predisposto dalla Regione Sardegna non possono essere addebitati alla Protezione civile. Questa, in estrema sintesi, la replica di Guido Bertolaso alle accuse che gli erano state mosse dal governatore Ugo Cappellacci subito dopo i roghi che la settimana scorsa hanno ucciso due persone, mandato in fumo almeno 25 mila ettari, messo sul lastrico centinaia di aziende agrozootecniche e carbonizzato, solo nel sassarese, 1.200 capi di bestiame. “Fin dal 20 luglio scorso – ha spiegato Bertolaso - avevamo segnalato con i bollettini meteo i rischi per il caldo e lo scirocco che sarebbero arrivati nelle regioni meridionali. Poi dal 23 al 26, ci sono stati tre giorni di emergenza incendi, specie in Sardegna. In particolare, il 23 è stata una giornata difficile e qualche struttura sul territorio, che non aveva creduto ai nostri allarmi, ha avuto qualche minuto di ritardo nell'organizzare la risposta. Nei giorni successivi la reazione é stata più rapida".
    C'é stata, ha ricordato il capo della Protezione civile, "una situazione di grande criticità in quei tre giorni in Sardegna, con incendi dal fronte di fuoco ampio fino a uno - due km. La nostra flotta aerea - ha puntualizzato - non ha la palla di vetro, interviene su chiamata della struttura regionale che ha il compito di coordinare gli interventi. E' la struttura regionale che ha il compito di valutare quali roghi possono essere spenti da terra e quelli che invece necessitano dell'aiuto della flotta di Stato". Il presidente della Regione, Cappellacci, ha riferito Bertolaso, "contesta quello che sto dicendo e stamattina mi ha inviato una lettera che lascio agli atti. Ma sono i fatti ciò che conta. Noi lavoriamo 24 al giorno, i piloti sono pronti a decollare all'alba e ad atterrare al tramonto. Dalla Toscana, ad esempio, ci è arrivata una richiesta di intervento alle 5.45 e alle 6.15 c'erano già nostri velivoli sul posto. Se da altre regioni le richieste arrivano alle 7 si perde un'ora-un'ora e un quarto, un lasso di tempo importante per dare una risposta efficace".
    Peraltro, ha proseguito Bertolaso, "le difficoltà in Sardegna derivano anche da un processo di riorganizzazione della Protezione civile regionale che è in corso". Capitolo catasto comunale delle aree percorse dal fuoco. Senza catasto, ha affermato il capo della Protezione civile, "non si riesce a contrastare efficacemente la piaga. Con l'ordinanza di due anni fa riuscimmo ad imporre questo adempimento ai sindaci, che proibire qualsiasi attività che potrebbe trarre benefici da un incendi o. La Sardegna al 30 settembre 2008 aveva completato solo nell'11% dei Comuni il catasto e solo il 21% aveva predisposto il piano di emergenza comunale. Mi risulta che nessuno dei comuni interessati dall' emergenza di questi giorni aveva adottato il piano di emergenza. Questi - ha aggiunto - sono fatti che sono in grado di dimostrare ma, per amore di verità, segnalo che nella lettera Cappellacci afferma che su 377 Comuni sardi, 126 hanno adottato il piano di emergenza e 296 si sono dotati di catasto. E' un passo avanti importante, se questi numeri sono reali".

    29 luglio 2009
    Redazione Tiscali

    Contenuto sponsorizzato

    Re: " Sa boghe de Segnòre " ...

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Ven Giu 22, 2018 10:21 am