SARDIGNA NATZIONE INDIPENDENTZIA - UNIDADE INDIPENDENTISTA

Su Forum de sos Indipendentistas Sardos / Il Forum degli Indipendentisti Sardi


    uranio impoverito e toscos

    Condividi
    avatar
    juanna maria

    Messaggi : 319
    Data d'iscrizione : 03.02.09
    Località : potene secare tottu sos frores...ma non potene prennere su beranu

    uranio impoverito e toscos

    Messaggio  juanna maria il Lun Giu 29, 2009 7:07 pm

    L'UNIONE SARDA - Istituzioni, Europa, Enti Locali: Uranio, lo Stato rimborsa i malati
    29.06.2009
    Una nuova legge risarcisce soldati e civili con un tumore

    La richiesta di risarcimento deve pervenire entro sei mesi. Per gli indennizzi si parte da 200 mila euro. Il ruolo delle nanoparticelle. Risarcimenti certi per i soldati o i civili che si sono ammalati di tumore durante le missioni di pace all’Estero oppure nei poligoni militari come quelli sardi di Quirra e Teulada. Li stabilisce una nuova legge, un decreto del Presidente della Repubblica che ha accolto la proposta arrivata dal ministro alla Difesa Ignazio La Russa. La svolta è storica: per la prima volta lo Stato riconosce di dover risarcire chi si è ammalato svolgendo la sua opera di soldato oppure perché abita nei pressi delle basi militari teatro delle guerre neanche troppo simulate. In pratica si indennizza chi è rimasto esposto al cosiddetto inquinamento bellico (e portatore di tumore). E di fatto si accoglie sia le azioni dei pacifisti, sia le risultanze dei lavori delle commissioni parlamentari di inchiesta e degli esperti che si sono occupati del caso uranio impoverito . LA LEGGE. In passato i militari dovevano affrontare delicate cause di servizio per ottenere il cosiddetto equo indennizzo. Oppure tentare la strada del risarcimento danni davanti al tribunale, la stessa che hanno tentato di percorrere i civili a stretto contatto con le zone militari. Strategie lunghe e complicate, che spesso hanno scoraggiato tante persone alle prese con delicate cure o con familiari da piangere. I PACIFISTI. «Abbiamo vinto una battaglia - spiega Mariella Cao, portavoce del comitato pacifista “Gettiamo le basi” - che avevamo cominciato nel 2001. Sia chiaro, il ministro La Russa non sta regalando niente, ha soltanto preso atto del lavoro delle commissioni parlamentari. Ed è una legge da migliorare: oggi sono troppo ristretti i tempi per chiedere gli indennizzi (sei mesi), si viene inseriti a una sorta di graduatoria e quindi ricevere il giusto risarcimento diventa come partecipare a un concorso. Inoltre vengono esclusi i civili che risiedono in centri lontani più di un chilometro e mezzo dai poligoni. Per esempio, un muratore che ha lavorato nella Base di Quirra e che si è ammalato di tumore, non potrebbe chiedere il risarcimento se risiede a Ballao. Ovviamente noi invitiamo tutti a presentare ugualmente richiesta: è una questione di giustizia». NANOPARTICELLE. Il punto cardine della nuova legge è frutto degli studi della biologa Maria Antonietta Gatti di Modena. È lei che ha studiato le nanoparticelle di metalli pesanti con forme particolari che possono essere prodotte soltanto da esplosioni a una certa temperatura e che provocano il cancro. Queste nanoparticelle sono state ritrovate nelle pecore a Quirra, negli organi dei militari o dei civili che hanno lavorato sia in zona di guerra sia nei poligoni sardi, facendo sorgere il sospetto, dichiarato a più riprese dai pacifisti, che anche in Sardegna siano state testate armi all’uranio impoverito. LE CIFRE. Massimo Leggiero, presidente dell’Osservatorio militare, un’associazione vicina ai graduati e ai civili vittime di tumori, esprime la sua soddisfazione per la nuova legge: «L’abbiamo sollecitata per anni, adesso finalmente è arrivata e farà giustizia per chi ha perso un familiare o per chi lotta contro i tumori a causa delle inadempienze della Difesa che ha mandato i soldati allo sbaraglio nelle zone di guerra». E aggiorna una statistica da brivido. «I casi di malati sono 2357, i morti 177. E una trentina riguardano soldati che presumibilmente si sono ammalati in Sardegna perché hanno partecipato soltanto ad esercitazioni a Teulada e a Quirra senza essere mai stati impiegati in missioni di pace nell’ex Jugoslavia, Iraq, Somalia o Afghanistan». I risarcimenti partono da 200 mila euro, ma in base ai punti di invalidità o in caso di morte si possono raggiungere cifre importanti. Se è possibile risarcire un familiare che ha perso un proprio caro vittima di un tumore causato dall’inquinamento bellico. PAOLO CARTA

      La data/ora di oggi è Ven Giu 22, 2018 10:20 am